Menu

Nove mesi di carcere per 30 euro, l’assurda storia di Francesca Cerrone

Ha fatto nove mesi di galera gratis tra Spagna e Italia, Francesca Cerrone, anarchica accusata di associazione sovversiva finalizzata al terrorismo. Lunedì sera la corte di assise di Roma l’ha scarcerata dopo che la Cassazione, ribaltando le decisioni del gip e del Riesame, aveva spiegato che non c’era motivo di far scattare le manette perché non c’erano gravi indizi e perché l’imputazione faceva acqua da tutte le parti. La Cassazione rimandava indietro le carte al Riesame per una nuova udienza. Cerrone restava in cella per un cosiddetto reato fine, il furto di tre sacchi di cemento, valore complessivo trenta euro.

A quel punto l’avvocato difensore Ettore Grenci si rivolgeva alla corte di assise ottenendo la liberazione senza nessun obbligo cautelare. Ma non è questa l’unica decisione che ridimensiona l’operazione Bystrock sfociata negli arresti del giugno dell’anno scorso.

La Suprema Corte infatti ha rimandato al Riesame annullando con rinvio le ordinanze di custodia cautelare in carcere per altri quattro militanti che restano detenuti in attesa del giudizio bis. «L’atteggiamento antagonista e di esacerbata contrapposizione all’autorità costituita non è anche idoneo a concretare la finalità di terrorismo» scrivono i giudici citando la giurisprudenza della Corte Costituzionale secondo cui non basta l’astratta adesione a una ideologia per supportare l’accusa relativa all’articolo 270 bis.

Del resto la Cassazione già in altre occasioni aveva messo dei paletti ben precisi per la contestazione dell’associazione sovversiva. Al punto da azzerare in pratica l’indagine del pm bolognese Stefano Dambruoso dando ragione al Riesame che aveva liberato tutti gli arrestati. Va ricordato che sia l’operazione romana sia quella bolognese sono state citate come “successi investigativi” dalla recente relazione annuale dei servizi di sicurezza nonostante i flop di cui però i giornaloni hanno scritto poco e niente.

Le notizie sul caso Cerrone si fermano per esempio all’arresto e all’estradizione dalla Spagna evidentemente un altro “successo” degli inquirenti. La Cassazione rileva che gli indagati si sono resi protagonisti di episodi di assembramenti non autorizzati, porto di oggetti atti a offendere, travisamenti, imbrattamenti di muri con scritte che incitano alla violenza, incendi, danneggiamenti, diffusione di volantini. Insomma il terrorismo è altra cosa.

Frank Cimini

da il Riformista

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>