Menu

Ilaria Salis è libera!

Ilaria Salis è libera: la polizia ungherese le ha tolto il braccialetto elettronico e rilasciato la documentazione della scarcerazione. Probabilmente lunedi 17 giugno il rientro in Italia

La richiesta di scarcerazione era stata depositata dal suo avvocato ungherese Gyorgy Magyar subito dopo la sua elezione come eurodeputata con Avs e questa mattina è stata scarcerata dalla detenzione domiciliare.

Ilaria Salis può quindi ora tornare in Italia, dopo che la polizia ungherese arrivata nell’appartamento dove è ospitata da una famiglia italiana dallo scorso 23 maggio per toglierle il braccialetto elettronico alla caviglia e rilasciarle un documento in ungherese.

Salis probabilmente rientrerà entro lunedì 17, giugno giorno del suo 40esimo compleanno. La sua famiglia aveva già comprato i biglietti per raggiungerla per festeggiare lunedì a Budapest ma ora Salis potrà festeggiarlo in Italia.

L’eurodeputata di Avs è stata arrestata l’11 febbraio del 2023 con l’accusa di far parte di un’associazione criminale e di aver partecipato a due aggressioni nei confronti di tre militanti di estrema destra a Budapest. E’ rimasta in carcere per oltre 15 mesi fino a quando è stata accolta la richiesta avanzata dai suoi legali di poter scontare la misura cautelare ai domiciliari.

Dopo l’elezione a Bruxelles con Avs grazie a oltre 175mila preferenze, Salis era in attesa della proclamazione e quindi dei documenti che certificassero il suo status di parlamentare europea.

Ieri, al quotidiano il manifesto, Ilaria ha detto di aver provato «sulla mia pelle cosa vuol dire essere carcerati all’estero e tuttora sono detenuta ai domiciliari. Finalmente, come parlamentare, potrò dare voce alle storie e alle condizioni di tutte le persone che si trovano in situazioni di ingiustizia simili. In Italia, tra l’altro, la situazione è drammatica non solo nelle carceri, ma anche nei CPR per le condizioni a cui vengono sottoposti i migranti. Mi batterò anche contro la disuguaglianza sociale e per cambiare radicalmente le condizioni materiali di vita delle persone. Mi batterò per una scuola di qualità che non lasci indietro nessuno, per la pace e per la tutela dell’ambiente».

Inoltre s’è detta consapevole della tendenza a «scivolare molto verso destra è frequente in epoche di recessione economica, di instabilità sociale e di fronte a un mondo che è in rapido mutamento. In momenti storici come questo, le forze di estrema destra acquisiscono molti consensi strumentalizzando le insicurezze delle persone e fabbricando mostri e nemici immaginari. Direi che, in uno scenario come quello dell’Europa attuale, caratterizzata dalla guerra e dalla crescita delle forze di estrema destra, l’antifascismo deve essere più attuale che mai».

«Ora sappiamo – ha concluso – che la solidarietà è una forza collettiva che può davvero migliorare le cose. Per il futuro dobbiamo essere capaci di rinforzarla e di diffonderla il più possibile».

Facciamo i festeggiamenti del suo compleanno a casa, vado a prenderla e me la porto a casa io“: così Roberto Salis ha commentato all’ANSA la notizia della liberazione di sua figlia Ilaria, che potrà tornare in Italia dopo 16 mesi di detenzione in Ungheria e festeggiare lunedì il suo 40/o compleanno “Sono molto contento – ha aggiunto – sto cercando di organizzare il rientro il più velocemente possibile. Ho lavorato in sordina ma non ci aspettavamo che venisse liberata già oggi”.

A Radio Onda d’Urto il commento di Eugenio Losco, legale di Ilaria Salis Ascolta o scarica

 

Osservatorio Repressione è una Aps-Ets totalmente autofinanziata. Puoi sostenerci donando il tuo 5×1000 

News, aggiornamenti e approfondimenti sul canale telegram e canale WhatsApp

 

 

 

Comments ( 6 )

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>