Menu
Caricamento Eventi

« Tutti Eventi

  • Questo event è passato.

Torino: Libertà per gli studenti. Presidio al carcere delle Vallette

giugno 1 @ 17:30 - 19:30

torino studenti presidio carcere

28 Gennaio: a Torino student@ in piazza contro l’alternanza scuola lavoro

vengono caricati dalla polizia e picchiati.

Era già successo a Roma qualche giorno prima.

La Ministra Lamorgese disse, dinanzi allo sdegno generale, che si sarebbe fatta luce sulle responsabilità di chi, tra le Forze dell’ordine, aveva caricato e pestato ragazzi e ragazze che chiedevano di non morire mentre frequentano la scuola, che si opponevano ad un modello di scuola subalterno alle imprese.

A Febbraio, gli student@ tornano in piazza e sono tant@ e determinat@.

Passano 3 mesi, i riflettori sull’alternanza scuola lavoro si spengono, delle responsabilità delle cariche di polizia insensate, ripetute in piazza il primo Maggio, non si sente parola, ma la Procura di Torino all’alba del 12 Maggio, effettua 11 fermi di giovani e giovanissim@ student@.

Tre di loro, Emiliano, Francesco e Jacopo vanno direttamente alle Vallette.

4 sono posti agli arresti domiciliari.

Gli ultimi 4 ottengono un obbligo di firma quotidiana.

Intanto un altro studente a Merano rimane gravemente ustionato durante l’alternanza scuola lavoro.

Il 27 maggio tribunale cui si è fatto ricorso contro queste misure cautelari inspiegabili per giovani incensurati, ha deciso misure parimenti grottesche.

Non bastavano 16 giorni di detenzione!

Francesco, 20 anni, incensurato, resta in carcere!

Emiliano e Jacopo, 22 anni, avranno gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico (!!) e tutte le restrizioni.

Sara, rea di aver amplificato le sue parole con un megafono, resta ai domiciliari.

Per gli altri firme presso l’autorità di polizia quotidiane o a giorni alterni. Insomma, le misure preventive punitive rimangono.

Purtroppo, nel nostro sbigottimento, non siamo stupite perché non è la prima volta che la Procura di Torino usa misure cautelari con chiare finalità punitive preventive, misure che condizionano e

penalizzano la vita sociale, formativa e lavorativa dei nostri giovani.

Per alcun@ evidentemente il principio “dell’innocenza fino a sentenza passata in giudicato” vale meno che per altr@.

Noi cittadine, noi madri non tolleriamo più queste modalità repressive esercitate da troppo tempo contro ragazze e ragazzi che manifestano il loro dissenso, diritto garantito dalla Costituzione, la

loro indignazione, la loro pretesa di un mondo diverso…

SAREMO QUINDI ANCORA IN PRESIDIO

e invitiamo tutt* a partecipare in solidarietà agli studenti, a tutti coloro che sono in qualsiasi modo privati della libertà a causa della repressione e per dare un saluto a tutt* i/le detenut* .

Dettagli

Data:
giugno 1
Ora:
17:30 - 19:30
Evento Category: