Menu

Cybersorveglianza, un impatto planetario

Cybersorveglianza, Un impatto planetario“, co-diretto da Arnaud Constant e Nicolas Thomas e prodotto da Amnesty International France, ripercorre l’affare Pegasus, un vasto scandalo di spionaggio che prende di mira attivisti per i diritti umani, almeno 180 giornalisti, tra cui il messicano Cecilio Pineda, spiato poco prima il suo assassinio nel 2017. È un film assolutamente utile da vedere.

Nel luglio 2021, il consorzio Forbidden Stories, con il supporto del Security Lab della ONG Amnesty International, e sedici media internazionali ha portato alla luce le pratiche di dieci Stati (Marocco, India, Messico, Azerbaigian, Kazakhstan, Rwanda, Arabia Saudita, Togo, Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Ungheria) avendo utilizzato senza alcun controllo un software spia sopraffatto commercializzato da NSO, una società privata israeliana.

Potenziali obiettivi di questa sorveglianza: 50.000 numeri di telefono, distribuiti in cinquanta paesi. Tra questi numeri: persino Macron, il suo primo ministro e quattordici ministri francesi; i parenti del giornalista Jamal Khashoggi, assassinato dai servizi sauditi a Istanbul nel 2018; il primo ministro spagnolo, il suo ministro della Difesa e 63 separatisti catalani; Figure dell’opposizione ruandese, ecc.

Cybersorveglianza, un impatto planetario risale proprio a come si è rivelato questo scandalo globale. Racconta, in modo più approfondito, la violenza subita dai giornalisti e dagli attivisti presi di mira, la cui vita privata è stata spiata. Insiste anche sull’importanza di una presa di coscienza generale, mentre le reazioni dei governi sono state timide dopo la rivelazione dello scandalo Pegasus.

“È stato un progetto difficile da realizzare perché dovevi rimanere sempre sotto il radar”, afferma Laurent Richard, direttore del consorzio Forbidden Stories, nel film. Con Pegasus siamo riusciti a dare un nome e un volto alle vittime. Quando guardiamo alle tipologie di storie per cui i giornalisti muoiono, vengono assassinati o imprigionati, si tratta ogni volta di indagini estremamente importanti per l’interesse generale: riguardano la corruzione, la violazione dei diritti umani, il riciclaggio di denaro, i crimini ambientali.»

Il film chiede anche la regolamentazione globale dell’uso della sorveglianza informatica privata. “Non possiamo agire come se il progetto Pegasus non esistesse, come se questa crisi di sorveglianza non esistesse. Gli Stati non hanno altra scelta che occuparsi della questione […] se vogliamo rispettare i diritti umani”, insiste Katia Roux, advocacy officer di Amnesty International Francia.

Tra i giornalisti presi di mira, Edwy Plenel, presidente di Mediapart, e Lénaïg Bredoux, responsabile editoriale per le questioni di genere, spiati per conto del Marocco. Nel documentario, Lénaïg Bredoux torna su questo episodio: “Quando guardiamo ai periodi più precisi di spionaggio del mio telefono, le indagini sono molto importanti nei periodi precedenti alle schede e agli arresti di diversi giornalisti marocchini con il pretesto di accuse di violenza sessuale. È molto probabile che il regime marocchino, in un modo o nell’altro, abbia cercato elementi nel mio telefono. »

A seguito delle rivelazioni sull’affare Pegasus, il nostro direttore editoriale Edwy Plenel e la nostra giornalista Lenaïg Bredoux, nonché il quotidiano Mediapart, hanno sporto denuncia contro X per “violazione della privacy” e pirateria informatica (“introduzione fraudolenta e mantenimento in un trattamento automatizzato di dati” in gergo giuridico). Un’inchiesta giudiziaria è stata aperta dalla procura di Parigi. Un giudice istruttore è stato nominato per proseguire le indagini nell’ambito di un’inchiesta giudiziaria.

da mediapart.fr

traduzione a cura di Salvatore Palidda

Osservatorio Repressione è un sito indipendente totalmente autofinanziato. Puoi sostenerci donando il tuo 5×1000 e darci una mano a diffondere il nostro lavoro ad un pubblico più vasto e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>