Menu

Bologna: Nell’ultimo anno 500 denunce da parte della Digos

Eseguite 24 misure cautelari. In piazza il 21% di agenti in più durante le manifestazioni. Eseguiti 19 sgomberi. Aumentano espulsioni di cittadini extracomunitari con accompagnamento alla frontiera, calano i permessi di soggiorno.

Nell’ultimo anno, per la precisione nel periodo compreso dall’1 maggio 2015 al 30 aprile 2016, la Digos di Bologna ha effettuato 494 denunce per reati contestati relativi all’ordine pubblico, contro la persona, contro il patrimonio e contro la Pubblica amministrazione (di cui solo tre in flagranza) ed ha eseguito 24 misure cautelari. Si tratta dei numeri diffusi ieri dalla Questura in occasione della festa della Polizia.  Secondo gli stessi dati, emerge un fortissimo incremento di agenti dispiegati in piazza. Se i servizi di ordine pubblico in occasione delle manifestazioni sono scesi dai 1.063 del periodo dall’1 maggio 2014 al 30 aprile 2015 ai 969 dell’ultimo anno (con un calo del 9%), contemporaneamente il personale impiegato (tra Polizia, Carabinieri e Guardia di finanza) è salito da 33.195 a 40.153 unità, con un aumento del 21%. Un altro dato riguarda gli sgomberi di occupazioni: in un anno la Questura ne ha conteggiati 19.

Sempre dall’1 maggio 2015 al 30 aprile di quest’anno, inoltre, nonostante il numero totale degli stranieri a Bologna e provincia sia cresciuto solo dell’1% (da 92.077 a 93.128), le espulsioni di cittadini extracomunitari con accompagnamento alla frontiera sono aumentate addirittura del 69% passando da 52 a 88. In leggero calo, invece, il numero complessivo delle espulsioni, che passano (-9%, da 649 a 589) e gli ordini del questore di lasciare il territorio nazionale (-11%, da 586 a 522). Molti di meno i permessi di soggiorno rilasciati, che scendono da 39.037 a 33.930 (-13%).

da zic.it

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>