Menu

In nome del decoro multe ai senzatetto a Catania

Sanzioni che arrivano fino ai 300 euro. Multe ‘salate’ per un nullatenente, che la polizia municipale dovrà comminare direttamente a chi verrà beccato in ‘flagrante’ mentre giace per terra tra “cani” e “cartoni”

Si apre all’insegna della battaglia contro il ‘degrado urbano’ l’attività amministrativa della giunta Pogliese. Ad essere colpiti dalla prima ordinanza del Sindaco – simbolica, come tutti i primi passi di un governo – sono tutti coloro che dormono per strada, ovvero i senza tetto ed i vagabondi. Soggetti contro i quali il nuovo primo cittadino ha puntato i riflettori, appoggiando sin da subito la polemica sollevata dal proprietario del ‘Wine bar RazMataz’ che – provocatoriamente – aveva dichiarato che pagare il pizzo alle cosche mafiose è un atto “necessario” per proteggere il proprio locale dalla presenza dei cosiddetti “punkabbestia”.“

Persone che creano una condizione di “disagio diffuso”, si legge nel testo del provvedimento, tanto da aver previsto sanzioni che arrivano fino ai 300 euro. Multe ‘salate’ per un nullatenente, che la polizia municipale dovrà comminare direttamente a chi verrà beccato in ‘flagrante’ mentre giace per terra tra “cani” e “cartoni”. Sono infine previste sanzioni per chi consuma “alcolici fuori dai pubblici esercizi” regolarmente autorizzati e per chi anche solo detiene “strumenti idonei all’imbrattamento di immobili e arredi urbani”. Se da un lato si usa il pugno di ferro, nel testo – né nei recenti annunci del Sindaco – non si trova traccia di possibili misure di ausilio alla povertà, come la realizzazione di strutture idonee e dormitori comunali per chi, oggettivamente, si trova in stato di necessità.

Il contenuto del provvedimento

“Considerato che – scrive Pogliese – vi è stato un notevole incremento di soggetti che, specie nelle aree del centro cittadino, anche per l’intera notte, all’aperto, con sedute e ricoveri di fortuna, bivaccano sulla pubblica via, utilizzando oggetti di varia natura, come cartoni, coperte, scatoloni, materassi, al fine di costituire un giaciglio per lo stazionamento ovvero per il consumo di cibo e bevande alcoliche, espletando in luogo pubblico anche le funzioni fisiologiche”. Ad essere punito è quindi “il comportamento di tali soggetti, che talvolta hanno al proprio seguito cani, causano un senso di disagio diffuso nella popolazione e nei turisti che frequentano il Centro Storico, determinando una sensazione di degrado del decoro urbano e precarietà delle condizioni igienico sanitarie” e che “sono segnalati, con sempre maggiore frequenza, casi di raggruppamenti di persone, anche senza fissa dimora, dedite al consumo abituale di bevande alcoliche e superalcoliche che, stazionando nella pubblica via, recano disturbo ai passanti e ai residenti e determinano problemi igienico-sanitari espletando in luogo pubblico le proprie funzioni fisiologiche”.

La protesta

L’atto, come prevedibile, ha sollevato un vespaio, soprattutto da parte delle associazioni che operano nel sociale. Catania Bene Comune, la formazione che fa capo a Matteo Iannitti, ha addirittura organizzato un’ “assemblea-bivacco” dove invita tutti i soggetti contrari al provvedimento a partecipare. “Catania è una città che negli ultimi anni ha visto aggravarsi le situazioni di povertà assoluta – afferma Iannitti – con la crescita del disagio sociale ed economico. Sono tante le associazioni e i gruppi di cittadini, i centri sociali che hanno tentato di dare sostegno e aiuto alla popolazione più vulnerabile, in particolare alle persone senza casa costrette a vivere in giacigli di fortuna”.

 “Crediamo che sia profondamente sbagliato e inutile affrontare il grave disagio sociale che vive una parte di cittadini esclusivamente come problema di ordine pubblico o di decoro urbano – continua – O, addirittura, criminalizzare l’atteggiamento di chi consuma delle bevande senza essere seduto al tavolino di un locale, come se la stessa Movida notturna diventasse un avversario del decoro urbano”.”Per questo – conclude – invitiamo tutte e tutti ad una assemblea bivacco nella quale discutere della Catania aperta alle diversità che vogliamo, a differenza di quella chiusa che sembrano volerci imporre le nostre istituzioni. Appuntamento Lunedì 9 Luglio, ore 20:00, in Via Crociferi, angolo scalinata Alessi”.

Mattia S.Gangi

da Cataniatoday

 

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>