Menu

Cremona: Caricati dalla polizia i facchini della Finiper

Polizia e carabinieri hanno caricato con violenza i 170 facchini licenziati da Finiper, che con le loro famiglie protestavano questa mattina a Soresina, davanti alla sede della società. Ci sono feriti.

facchini

Dopo aver sottoscritto un accordo alla Prefettura di Cremona, la Finiper – proprietaria dei supermercati IPER con un fatturato di 2 miliardi e una quota di mercato della grande distribuzione pari al 20,5 % – si era rimangiato tutto e aveva sbattuto i 170 facchini in mezzo alla strada.

Questa mattina i lavoratori avevano dato vita a una nuova mobilitazione insieme all’Unione Sindacale di Base, minacciati dalle forze dell’ordine in assetto antisommossa nonostante la presenza di tanti bambini, figli dei facchini licenziati.

Finiper ha preso a pretesto il cambio di sede del magazzino con il tentativo di non confermare gli attuali livelli occupazionali. Come sempre i padroni vogliono fare profitto sulla pelle delle persone.

Nei giorni scorsi i facchini avevano attuato iniziative nei vari supermercati IPER -riscuotendo la solidarietà degli altri lavoratori e dei clienti – come ad esempio riempire i carrelli e lasciarli alle casse belli carichi.

da Contropiano

Il poliziotto miserabile che spezza le gambe agli operai

Il compagno Roberto Montanari, sindacalista USB, ha pubblicato la foto terribile del doppio ginocchio di Mansour, operaio in lotta per il lavoro a cui la polizia ha spaccato una gamba.

Insieme a più di altri cento facchini, Mansour è stato licenziato dal gruppo commerciale IPER a Soresina, violando le regole degli appalti e ogni più elementare diritto del lavoro e della persona. Contro i facchini, in lotta per la vita assieme alle loro famiglie, è intervenuta la polizia di Salvini, tornata ferocemente antioperaia come quella di Scelba, con l’aggiunta di una dose di razzismo.

Per spezzare a manganellate un ginocchio ad una persona che ha perso il lavoro non ci vuole infatti solo un addestramento infame, che una persona normale non ha. Ci vuole anche una dimensione di odio, verso l’operaio e verso il migrante, che solo una pesante educazione a rovescio può instillare in un poliziotto.

Salvini ha legittimato e liberato i mostri violenti che erano stati scatenati nella società da anni di sopraffazioni ed ingiustizie.

Il poliziotto infame che ha rotto la gamba a Mansour è discepolo diretto di coloro che hanno pestato Cucchi ed Aldrovandi. E come loro fonda la sua violenza sulla convinzione dell’impunità.

Oggi questa violenza viene posta a servizio diretto del profitto e così viene legittimata. Perché nulla come il mercato garantisce e giustifica la ferocia. E se poi questa ferocia si rivolge verso chi lotta, beh allora anche il poliziotto spacca gambe diventa un tutore della legalità.

Il Decreto sicurezza bis vuol dire solo doppia ferocia e doppie bastonate.

Bene ha fatto Montanari a pubblicare la foto, bene faremo tutti noi a pretendere giustizia contro il poliziotto miserabile, chi lo comanda, chi lo copre e giustifica. E soprattutto a combattere il potere economico e gli affari che si sostengono con gli squadristi in divisa.

Giorgio Cremaschi

da contropiano

Comments ( 1 )

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>