Menu

5 novembre 1953 – Trieste

trieste 5 nov 1953

La polizia alleata spara sui manifestanti a favore del ritorno della città all’Italia, uccidendo lo studente di 16 anni Pietro Addobbati e il lavoratore Antonio Zavadil, e ferendo oltre 100 persone di cui uno, Domenico Scoroglia, gravemente.

Il fuoco viene aperto davanti alla chiesa di S.Antonio, con inseguimento dei dimostranti anche all’interno del tempio dove si erano rifugiati per trovare scampo.

Il giorno seguente la polizia alleata apre ancora il fuoco sui dimostranti pro-Italia uccidendo Saverio Montano, Erminio Bassa, Francesco Paglia e Leonardo Manzi di 15 anni, e ferendo altre 80 persone.

I dati ufficiali parlano di 82 feriti fra i dimostranti, oltre ai 6 morti, 79 fra i poliziotti e di 55 fermati come bilancio delle due giornate.

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>